Real Rieti vs Maran Nursia – Under 21 Coppa Italia interviste

28 novembre 2014 16:00

Il Real Rieti brinda anche in Coppa Italia. La formazione Under 21 batte per 4-2 la Maran Nursia e accede ai sedicesimi di finale della competizione tricolore, al termine di una gara combattuta gagliardamente contro i pari età umbri realizzando i gol decisivi negli ultimi cinque minuti di gara. Complessivamente una prestazione maiuscola da parte dei ragazzi allenati da Daniele Palenga che dopo un primo tempo complicato, nel corso del quale hanno dovuto per ben due volte rimontare lo svantaggio, nel secondo tempo hanno cambiato marcia e sono usciti fuori alla distanza.

Ancora una volta sugli scudi il portiere Jhonson che compie una serie di prodezze decisive, al pari del suo dirimpettaio della Maran, bravo soprattutto nel primo tempo a neutralizzare Caio e compagni.

Per la cronaca, la Maran Nursia parte meglio del Real Rieti: al 2’ chiama in causa Jhonson, poi al 6’ lo brucia con una conclusione di potenza da parte di Stringari che s’infila sotto la traversa (0-1). Il Real però non si scompone, comincia a macinare gioco, sfiora il pari a più riprese, poi al 13’ ci pensa Caio ad inventare per Esposito direttamente da calcio di punizione: per il capitano è un gioco facile, facile depositare la palla in rete (1-1). Ristabilita la parità gli amarantoceleste provano a prendere in mano le redini del gioco, ma al 16’ la Maran Nursia rimette nuovamente la freccia grazie alla traiettoria beffarda disegnata dal destro di Serginho che mette fuori causa pure l’incolpevole Jhonson (1-2). E’ un match vibrante, cambi repentini di gioco da una parte all’altra, come al 19’ quando Caio ancora una volta serve l’assist vincente, stavolta a Tramontano che a due passi dalla porta deve solo spingerla in rete (2-2). E’ l’ultima emozione del primo tempo che si chiude in perfetta parità.

Nella ripresa il Real Rieti è più determinato, ma la Maran Nursia resiste agli attacchi e per Esposito e compagni si fa tutto più complicato. Ma al 13’ quando la gara sembra ormai destinata a proseguire ai tempi supplementari, ecco che la caparbietà dei ragazzi di Palenga ha la meglio sugli umbri: Scappa ruba palla a centrocampo, innesca un pericoloso 3 contro 1 manovrato da Silvetti, rifinita da Salvi e conclusa col gol proprio dallo stesso Scappa che fa 3-2. Cambiano gli equilibri, la Maran per la prima volta è costretta ad inseguire, in campo Emruli e compagni ci provano in ogni modo ma Jhonson è insuperabile. Al 18’ da un rilancio del portiere reatino per la testa di Silvetti, la sfera colpisce il palo a portiere ormai battuto, poi nel finale Da Silva ordina il portiere di movimento ma la gestione del possesso-palla è pessimo e a 30” dal suono della sirena il Real Rieti mette il sigillo sulla qualificazione realizzando il gol del definitivo 4-2 sull’asse Jhonson-Caio che di testa “emula” Manoel Crema in Real-Lazio di serie A.

E’ il gol liberatorio, quello che vale il sedicesimo di finale di Coppa Italia, ma da domani è già tempo di pensare al campionato perché domenica mattina c’è da affrontare un’altra trasferta: quella di Perugia, come sottolinea proprio Daniele Palenga, tecnico del Real Rieti.

“Una qualificazione sofferta, ma meritata. La Maran Nursia è un’ottima squadra, l’unica che finora tra campionato e Coppa Italia ha saputo metterci in difficoltà. Primo tempo complicato proprio grazie al loro atteggiamento tattico, ma nella ripresa siamo andati meglio: ora però dimentichiamoci della Coppa Italia e torniamo a pensare al campionato perché c’è un primato da difendere da avversari che non ci regaleranno alcunchè”.

Lascia un Commento