Real Rieti vs Acqua e Sapone

30 novembre 2014 12:23

E’ difficile e scomodo, a volte, il ruolo di chi si trova a commentare in una manciata di righe una partita. Ancora di più se la partita in questione è Real Rieti – Acqua e Sapone. A pensarci bene, su questa partita, ci si potrebbe scrivere un libro, un libro che parlerebbe delle parate di un Mammarella a tratti mostruoso, delle parate di Micoli, del poker pazzesco di Zanchetta, dei sette ammoniti, dei due espulsi e di dodici gol. Potremmo dire che la gara di stasera ci ha mostrato, una volta di più, che questo sport è tato bello quanto crudele. Potremmo parlare di alcune decisioni dei direttori di gara che ci lasciano quantomeno perplessi, da una parte e dall’altra, e di tutte quelle emozioni che hanno provato gli spettatori del PalaMalfatti. Il punteggio finale dice 6-6, dopo una partita vietata ai deboli di cuore. Real che nel primo tempo gioca una partita sontuosa, schiacciando un’Acqua e Sapone che trova la sua ancora di salvezza in quello che è, semplicemente, il miglior portiere al mondo. Il Real passa in vantaggio con Zanchetta, che mette dentro il pallone sugli sviluppi di una rimessa laterale : De Oliveira è sfortunato e insacca nella porta sbagliata, è 1-0. L’intensità fisica della partita è, a tratti, fuori dal comune, con le squadre che non mollano un centimetro di campo. Cavinato scappa alle spalle della difesa del Real Rieti e insacca l’1-1, ma è solo l’inizio. Da questo momento in poi inizia lo show di Xuxa Zanchetta, che prima scarica un sinistro di potenza inaudita all’incrocio dei pali, poi fredda Mammarella su tiro libero, mandando il Real avanti 3-1 al riposo. Se quattro gol e svariate ammonizioni non sono ancora abbastanza, nella ripresa altri otto gol e due rossi, giusto per non farci mancare davvero niente. L’Acqua e Sapone preme, accorcia, pareggia e sorpassa, grazie all’ uno- due di Cuzzolino e all’altra doppietta di Cavinato. A metà del secondo tempo tutto ribaltato : al PalaMalfatti è 3-4. Chimanguinho viene espulso per somma di ammonizioni dopo un tocco di mano, e dopo un altro giallo molto più che dubbio preso nel primo tempo. La partita cambia ancora, ma è qui, ancora una volta, che viene fuori il carattere di una squadra che non si arrende mai. Zanchetta è l’attore principale di un palcoscenico incandescente.  Incontenibile e imprendibile Xuxa. L’ex di turno prima infila Mammarella in contropiede, poi estrae dal cilindro un diagonale magnifico che fa letteralmente impazzire il pubblico del PalaMalfatti, scrivendo sul tabellone 5-4 : tutto ribaltato, ancora. Bellarte inserisce il portiere di movimento, ma viene punito dal dodicesimo gol stagionale di Crema che infila dalla sua metà campo il gol del 6-4. La partita sembra finita, perchè sul cronometro manca poco più di un minuto, ma neanche il più bravo sceneggiatore di Hollywood saprebbe scrivere un finale di gara come quello vissuto al PalaMalfatti. L’Acqua e Sapone, ora più che mai, insiste con il portiere di movimento, e Davì, nel disperato ed inutile  tentativo di salvare un gol,cade a terra di faccia e inizia a perdere sangue. I direttori di gara non se ne accorgono e invitano il Real a rimettere da centrocampo, ma Micoli in maniera comprensibile ma anche troppo vistosa, fa notare agli arbitri che Davì è a terra e perde sangue. L’estremo difensore del Real, ammonito nel primo tempo. viene espulso con poco più di trenta secondi rimasti sul cronometro della partita. E’ il gol che riapre la partita, gol viziato però da un palese fallo di mano da parte di un giocatore dell’Acqua e Sapone, inspiegabilmente non visto dai direttori di gara. Poco più di trenta secondi sul cronometro, Real sotto di un uomo e sopra di un gol. Gli amarantocelesti si difendono e sembrano tenere, ma a 6 secondi dalla fine De Oliveira trova il piattone vincente su inserimento centrale, scrivendo la parola fine su un’altra partita incredibile. Il Real vede sfumare una vittoria che sembrava arrivata cosi come la qualificazione anticipata alla Final Eight. La prossima settimana gli amarantocelesti voleranno ad Asti, senza Chimanguinho, Micoli e Zanchetta squalificati ma potendo contare su Silveira e l’ultimo acquisto Lolo Suazo.
Al PalaMalfatti finisce 6-6. Stasera non ha vinto proprio nessuno.

Lascia un Commento